Recensione Codice Da Vinci (film)

Ho ripreso il libro in mano e incuriosita ho rivisto il film per la quarta volta. Il film è quasi uguale al libro, solo che in quest’ultimo ci sono molte più informazioni. Li ho adorati entrambi.I presupposti sono intriganti, per non parlare dell’attore incredibilmente bravo nel mettere ansia Tom Hanks, un nome una garanzia.

Ma andiamo passo per passo..

Jacques Saunière, l’anziano curatore del Museo del Louvre di Parigi(anche lui bravissimo attore il modo in cui è riuscito a fare queste scritte di morire è stato strabiliante) è inseguito nel cuore della notte nelle gallerie del museo da un misterioso uomo vestito da monaco, Silas, membro dell’Opus Dei. Quest’ultimo lo blocca, puntandogli una pistola, gli chiede informazioni su un oggetto (la “chiave di volta” posseduta dal Priorato di Sion). L’anziano rivela che ciò che cerca è custodito nella sacrestia della Chiesa di Saint-Sulpice, sotto la Linea della Rosa. Dopo averlo ringraziato, Silas gli spara al ventre, ferendolo gravemente. Nel frattempo lo scrittore e professore di Harvard, Robert Langdon, a Parigi per presiedere a un incontro sulla simbologia e firmare copie del suo libro Sacred Feminine, viene raggiunto dal tenente Collet della Police Judiciaire e condotto al Museo del Louvre. La vittima infatti, prima di morire, aveva composto con il suo sangue uno schema simile a quello dell’Uomo vitruviano. Arrivato al museo, incontra il capitano Fache, che gli chiede il significato dei simboli.

Silas chiama un uomo misterioso conosciuto come “il Maestro” e gli rivela di aver ucciso tutti e quattro i protettori della “chiave di volta” e che tutti hanno indicato lo stesso luogo. Silas poi si stringe il cilicio e si autoflagella in segno di espiazione dei suoi peccati (che brutto mamma mia ). Aiutato dal vescovo Manuel Aringarosa, Silas si muove poi verso Saint-Sulpice e viene fatto entrare da un’anziana suora; rimasto solo incomincia a scavare sotto il pavimento della chiesa, sulla Linea della Rosa, ma trova solo una pietra con scritto “JOB 38:11″. Va poi dalla suora per spiegazioni riguardo al passo e lei gli risponde che esso dice: “Fin qui giungerai, e non oltre.” Capendo di essere stato ingannato, Silas uccide la suora.

Il vescovo Aringarosa incontra altri prelati e afferma che quella notte gli ultimi membri del Priorato verranno uccisi e il loro segreto scomparirà.

Sophie Neveu, una crittologa della Polizia francese, arriva dal capitano Fache e da Langdon e con un astuto metodo riesce a dare al professore un messaggio, che lo conduce al bagno del museo. Lì Sophie gli dice che gli è stato posizionato addosso un localizzatore GPS e che è il principale indiziato per l’assassinio del curatore, dato che la vittima infatti aveva lasciato varie linee di testo e nell’ultima aveva scritto “P.S. Find Robert Langdon” (P.S. Trova Robert Langdon). In realtà, però, ella crede che Saunière, che si rivela essere suo nonno, le abbia voluto trasmettere un messaggio (P.S. sta per Principessa Sophie, che era il suo soprannome), e che voleva che il Professor Langdon la aiutasse a decifrare il messaggio lasciato vicino al suo corpo.

Dopo aver preso tempo posizionando il ricevitore GPS su una saponetta (bella pensata) lanciandola su un camion, i due incominciano ad analizzare il messaggio della vittima: la prima riga di testo riporta numeri della sequenza di Fibonacci messi alla rinfusa, mentre la seconda si rivela essere un anagramma delle parole “Leonardo Da Vinci The Monna Lisa”; sulla Gioconda c’è un altro anagramma che conduce alla Vergine delle Rocce, e dietro quest’opera c’è una chiave col manico a forma di giglio. Langdon capisce allora che Saunière era membro del Priorato di Sion, una società segreta legata all’ordine dei Cavalieri Templari che si occupava di “proteggere la fonte del potere di Dio sulla Terra”, ovvero il Santo Graal, e proprio per questo divenne così potente da sottomettere la Chiesa stessa; quest’ultima si ribellò e riuscì, sotto ordine del Papa, a ucciderne tutti i membri ma del Graal o di ciò che il Priorato proteggeva non rimase traccia.

Non potendo accedere all’ambasciata degli Stati Uniti, la coppia si rifugia nel malfamato Bois de Boulogne, dove Langdon osserva da vicino la chiave. Sul lato nota l’iscrizione “HAXO 24”, che Sophie interpreta come l’indirizzo della Banca di Zurigo, dove la chiave aprirà una cassetta di sicurezza: il codice per aprire la cassetta è la sequenza di Fibonacci ordinata (1123581321). Dentro la cassetta i due trovano una scatolina di palissandro che contiene un cryptex (la cosiddetta “chiave di volta”), cioè un contenitore cilindrico con cinque quadranti formati da lettere dell’alfabeto che devono essere ordinati per formare una particolare parola di cinque lettere che lo aprirà, facendo in modo che si possa leggere il messaggio all’interno; se si tenta di forzarlo, si romperà una fialetta di acido che dissolverà il papiro su cui è scritto il testo.

Tutto ha un senso ogni cosa va’ al suo posto.

Sfortunatamente arriva la polizia ma i due, aiutati anche dal responsabile della banca, André Vernet, riescono a fuggire su un furgone blindato, dove hanno una conversazione sui cryptex: la ragazza dice che il nonno gliene aveva regalati molti da piccola, quando lei viveva con lui dopo la morte dei suoi genitori e di suo fratello in un incidente stradale. Langdon dice che esso potrebbe contenere informazioni su ciò che stanno cercando. All’improvviso si fermano e Vernet, minacciandoli con una pistola, intima loro di consegnargli il criptex. Langdon, tuttavia, inganna Vernet e riesce a fuggire con Sophie a bordo del furgone, sebbene rimanga lievemente ferito.

Langdon suggerisce, per farsi aiutare a decifrare il criptex, di rivolgersi a un suo amico, Leigh Teabing, che si rivela essere anch’egli un uomo ossessionato dalla ricerca del Graal e spiega che il Priorato non protegge “la fonte del potere di Dio sulla Terra”, bensì “la fonte del potere della Chiesa sulla Terra”: il Santo Graal non sarebbe il calice di Cristo, bensì sua moglie, ossia Maria Maddalena; ella sarebbe stata incinta al momento della crocifissione, per cui il Priorato di Sion fu formato per proteggere i discendenti di Gesù. Si crede che Jacques Saunière facesse parte di questa società e che volesse che anche Sophie ne entrasse a far parte. Nel frattempo, Silas irrompe nella villa di Leigh per rubare il cryptex; il gruppo riesce a bloccare il monaco e fugge insieme con lui. Usando l’aereo di Leigh e dirigendosi a Londra, interpretano il messaggio posto sotto la rosa che decorava il contenitore del cryptex. Fache viene a conoscenza della loro destinazione e avverte la polizia inglese, ma Leigh inganna tutti nascondendo Silas – legato e imbavagliato -, Langdon e Sophie nella sua auto.

Teabing conduce Langdon e Neveu alla Chiesa del Tempio di Londra, che si rivela essere quella sbagliata. Silas è infatti liberato da Rémy, cameriere di Leigh, che gli dice di essere anche lui seguace del “Maestro” e i due rapiscono Teabing; Silas, credendo invece che il maestro sia Rémy, si rifugia nella sicura residenza dell’Opus Dei. Poco dopo Rémy è ucciso da un uomo misterioso mentre ride con lui di Silas, il quale, nel frattempo, viene braccato dalla polizia. Nella confusione Silas spara per sbaglio al vescovo Aringarosa e, per il dolore, si fa uccidere dagli spari della polizia; Aringarosa è portato in ospedale, non prima di essere arrestato da Fache in quanto colpevole di aver sviato le indagini su Langdon.

Langdon viene tradito da Teabing, che si rivela essere il vero Maestro e, perciò, fugge con il cryptex e spera di trovare la soluzione alla tomba di Isaac Newton nell’Abbazia di Westminster, dato che Newton era un altro membro del Priorato. Langdon e Neveau incontrano lì Leigh, che spiega loro che vuole trovare il corpo di Maria Maddalena e da lì il santo Graal per dimostrare che aveva ragione e minaccia, perciò, Sophie affinché Robert riesca a decifrare il cryptex. Dopo averci pensato, Langdon lancia in aria l’oggetto, che cade rovinosamente per terra; Teabing tenta di salvarlo buttandosi, ma fallisce e si dispera credendo che tutto sia andato perduto.

Dopo l’arresto di Leigh, Robert dice di aver risolto l’enigma del cryptex prima di gettarlo in aria (la parola era apple, ossia “mela”, l’unica “sfera” che mancava sulla tomba di Newton), e mostra la pergamena con il messaggio. Usando l’indizio-filastrocca, essi viaggiano fino alla Cappella di Rosslyn in Scozia dove la Maddalena era stata precedentemente sepolta: si scopre che i resti furono spostati, ma incontrano altri membri che la proteggevano; viene inoltre rivelato che Sophie è l’ultima discendente vivente di Gesù Cristo e Maria Maddalena. Le persone si offrono di proteggerla e così Langdon e Sophie si separano.

Tornato a Parigi, Langdon si taglia accidentalmente con il rasoio e la linea di sangue che si forma nel lavandino gli ricorda la Linea della Rosa: è una rivelazione. Esce per le strade di Parigi e seguendo la Linea della Rosa capisce che il vero luogo di sepoltura della Maddalena si trova sotto la piramide del Louvre di Parigi. Egli allora si inginocchia di fronte a essa come avevano fatto i templari prima di lui.

La trama è intrigante ti prende sempre perché cerchi di capire ogni tassello, proporrei a chiunque di leggere il libro e poi di vedere il film oppure vedere il film leggere il libro e rivedere il film capirete molte cose.

PER COMPRARE IL DVD CLICCATE GIù

https://amzn.to/2tN12Z9

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: